Quando andare… in Jamaica Quando andare a...

I Caraibi... piccole isole incontaminate da esplorare, lunghe distese di sabbia bianca, acque cristalline dal colore turchese, tanto relax da assaporare…
Io, noi, ci siamo stati, e devo svelarvi che in realtà… sono proprio così!
Nessun trucco, nessun inganno: i Caraibi sono proprio quel luogo paradisiaco che si vede nei reportage e nelle foto.

Come dicevo, noi ci siamo stati, ma non come FamigliaInViggio, solo io e MaritoInViaggio, che allora non era neppure marito!
Questo particolare, mi fa ricordare che dobbiamo tornarci al più presto!

Battute a parte, noi abbiamo avuto modo di visitare la Jamaica e le Cayman e ne siamo rimasti affascinati.

Jamaica Mare MammaInViaggio

La Giamaica o Jamaica, che dir si voglia

La Giamaica, letteralmente “terra di legno e di acqua”,  è un’ isola del Mar dei Caraibi, facente parte delle Grandi Antille.  Poco più a nord troviamo Cuba, ad est Haiti e a ovest le Isole Cayman.

Ex possedimento spagnolo e britannico, la Jamaica è oggi uno stato indipendente con Monarchia Parlamentale.
Ma delle sue dominazioni porta ancora segno nella lingua: l’inglese è la lingua ufficiale, anche se la maggior parte della popolazione parla invece un dialetto creolo-inglese; e sulle strade: si guida a destra!

Questo alternarsi di etnie, ha reso la Jamaica un cocktail di culture che ben s’incastona in questo paesaggio dai mille profumi e scenari.

Kingston e gli altri centri abitati

La capitale dell’isola è Kingston e si trova sulla costa meridionale.

Una delle più grandi attrazioni in città è di sicuro il Museo Bob Marley, che si trova all’interno della vecchia casa del cantante reggae.
Non distante. si trova il Devon House, un palazzo di epoca coloniale che al suo interno è arredato con mobili d’epoca e poi non può mancare la visita all’Hope Botanical Gardens and Zoo.

Jamaica Giamaica MammaInViaggio

Gli altri centri abitati principali sono:

  • Mandeville: la città nel cuore dell’isola, unico centro particolarmente grande e degno di rilevanza.
  • Montego Bay, Ocho Rios, Port Antonio: parliamo di centri balneari sulla costa a nord.
  • Negril: posto sull’estremità occidentale dell’isola ed è un famoso centro balneare.

Noi ci siamo fermati a Ocho Rios per rilassarci al mare, ma ci siamo concessi anche un tour dell’entroterra per assaporarne la bellezza…e lo consiglio davvero!

 

Jamaica Giamaica MammaInViaggio

Mi resta da menzionare proprio l’entroterra e le Blue Mountains, dove si possono trovare coltivazione di caffè, una vegetazione rigogliosa ricca di sentieri e cascate.

Diciamo che ciò che io suggerirei è proprio un tour di questo tipo che parte dalla capitale Kingstone, si addentra nel cuore dell’isola e si conclude al mare in una località del nord.

Jamaica Giamaica MammaInViaggio

Ma quando è meglio andare in Giamaica?

Il clima della Giamaica

Il clima è tropicale influenzato dagli alisei di nord-est.
Le temperature medie non variano particolarmente durante l’alternarsi delle stagioni: restano piuttosto alte tutto l’anno, tra i 22° e i 31°.

C’è però una stagione umida che va da maggio a ottobre in cui è facile imbattesi in acquazzoni – che però si riscontrano anche in altri mesi e sono di breve durata.
Ciò a cui si deve prestare attenzione sono gli uragani. Purtroppo colpiscono spesso l’isola impattando da est o sud-est, proprio durante la stagione umida.

L’acqua del mare, invece, ha una temperatura variabile: si va dai 26° di Gennaio, Febbraio e Marzo ai 29°di Luglio e Agosto.

Jamaica Giamaica MammaInViaggio

Il periodo migliore per visitare la Jamaica

Da dicembre ad aprile è il la stagione migliore per visitare la Jamaica.

E infatti noi ci siamo stati a fine marzo, anche se ci siamo imbattuti in un breve acquazzone tropicale che i Jamaicani chiamano “Liquid Sunshine”.

Cosa mettere in valigia

Prima di tutto il costume da bagno, gli occhiali da sole e crema solare, poi un bel pareo ed abiti leggeri.
E non dimenticate un impermeabile leggero ed una maglia a maniche lunghe o giacchetta per la sera soprattutto se tira vento.

Se avete trovato questo post interessante e utile, condividete!

Seguitemi anche sui miei canali social: 
Facebook
Twitter
Instagram


Silvia, classe 1985, mamma di una patatona, un angelo e una bimba-arcobaleno, nonché moglie, viaggiatrice, scrittrice e fotografa (improvvisata). Agente di viaggio e social media writer un tempo, travel blogger oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?