Cosa controllare quando si acquista un camper usato Camper for dummies

Siamo camperisti da tempo anche se il nostro camper come FamigliaInViaggio risale a soli due anni fa.

Da tempo, però, dicevo, perchè da bambina ho viaggiato in camper con i miei genitori e ho cominciato ad innamorarmene allora.
Non è stato amore a prima vista, ma una passione che è sbocciata nel corso degli anni.

La vita poi ha fatto il suo corso e, dopo un marito e tre bambine, è tornato anche lui: il nostro amico camper.
Questa volta però, le nostre BimbeInViaggio se ne sono innamorate subito e sono loro stesse a chiedere quando sarà il nostro prossimo viaggio con Lui.

Acquistare un camper usato

Per noi la prima scelta di camper è ricaduta su un usato.
Il motivo principale è il costo: decisamente più accessibile rispetto ad un mezzo nuovo.

Camper MammaInViaggio

Diciamo che comunque suggerirei questa scelta, non solo per il prezzo, anche a chi si vuole cimentare la prima volta con questo stile di viaggiare.

Acquistare un camper usato permette di spendere un cifra minore, testare le caratteristiche del mezzo stesso e capire se fa al caso nostro.
E quando parlo di”capire se fa al caso nostro” intendo dire se la vita in plein air vi piace, ma anche se la struttura e disposizione interna del camper vi piacciono.

Questo vi consentirà, magari in un secondo momento, di acquistare un mezzo nuovo che risponda a tutte le vostre esigenze.

Dove acquistare un camper usato

Per acquistare un camper usato ci sono due alternative: un rivenditore oppure un privato.

Nel primo caso vi sarà sufficiente rivolgervi ad aziende che possono essere locali o meno vicine, mentre potete trovare un mezzo venduto da un privato tramite siti di annunci online, sui giornali locali – se si usano ancora, sulle riviste di settore oppure sui gruppi Facebook.

Cosa controllare quando si acquista un camper usato

Se sul mezzo nuovo non ci sono problemi per quanto riguarda meccanica e interni, e anche se ci fossero c’è la garanzia a rispondere, per quanto riguarda un mezzo usato è necessaria qualche valutazione prima dell’acquisto.

Partiamo dal caso più facile, ovvero se il camper che avete deciso di acquistare è venduto da un rivenditore.
In questo caso generalmente c’è una garanzia di un anno ed il mezzo è stato controllato dal rivenditore stesso.
Perciò per ogni problema potrete rivolgervi a lui direttamente.

Camper revisione MammaInViaggio

Diversa è la situazione se acquistate da un privato.
In questo caso dovrete essere voi stessi ad effettuare delle verifiche e valutazioni sull’usura del mezzo, gli interni e la meccanica.

E allora vediamo cosa conviene controllare prima di portarselo a casa.

La meccanica e il motore

Prima di tutto partiamo dalla meccanica e tutti i componenti tecnici del veicolo.

  • Sarà bene controllare l’anno di immatricolazione e considerare quanti chilometri sono già stati percorsi.
  • Meglio accertarsi che gli pneumatici siano ancora in buono stato ma anche che non siano vecchi: ricordate che su ogni gomma c’è una data che indica quanti anni ha la ruota stessa. Se sono più di 5 anni sarà da cambiare anche se c’è ancora battistrada.
  • Chiedete di provarlo, per un breve giretto, in modo da controllare freni e frizione e come risponde il motore.
  • Provandolo capirete anche se la batteria ha ancora tenuta oppure se è il caso di sostituirla.

La carrozzeria

Un’altra parte importante è la carrozzeria: fate più giri intorno al camper ed anche sul tetto per controllare se ci sono segni di botte dalle quali potrebbero scaturire delle infiltrazioni.

Ricordate che se sono stati montati degli optional come il pannello solare o l’antenna tv o ancora il portabici, insomma tutti elementi che richiedono dei fori per la loro applicazione, è bene controllare , prima di tutto la loro stabilità e soprattutto se il lavoro è stato fatto a regola d’arte e, ancora una volta, non si ricada in infiltrazioni.

Prendetevi del tempo per controllare le serrature.
Noi per esempio le abbiamo sostituite tutte dopo l’acquisto per vari motivi: in primo luogo erano “dure” causa l’età, in secondo luogo abbiamo preferito per sicurezza ed infine così abbiamo optato per un unico stampo di blocchetto e, di conseguenza, un’unica chiave per tutte le serrature del camper.

L’interno

Passiamo a controllare l’interno.
Anche in questo caso controlliamo se ci sono delle macchie sia sul tetto che nelle pareti portate dal’acqua infiltrata.

Un elettrodomestico che a cui dovete prestare attenzione è il frigorifero che potrebbe, se rimasto spento a lungo, avere l’ammoniaca cristallizzata e non raffreddare.
E’ bene anche esaminare il forno, se presente, o qualsiasi altro elettrodomestico per accertarsi che sia funzionante.

Camper MammaInViaggio

Date anche un’occhiata a come è stato tenuto: se i mobiletti sono intatti, non rigati o rovinati, se le coperture ed i tessuti sono integri o macchiati…

Infine controllate che la batteria servizi sia ancora valida o valutate se è il caso di cambiarla.

Optional

Se ci sono degli optional, è bene controllare se sono funzionanti e farsi spiegare il loro meccanismo.

Tiriamo le somme

Se avete trovato qualcosa che non va e dovrete essere voi a ripararlo, questo può andare a ridurre il prezzo d’acquisto.

E dopo aver valutato attentamente, prendetevi ancora del tempo per decidere, non è detto che il primo che vedete sia ciò che fa al caso vostro.

Se questo articolo vi è piaciuto, lo avete trovato utile o interessante, se avete amici camperisti alle prime armi, non dimenticate di condividerlo!

Vi aspetto anche sui miei profili social:

Facebook
Twitter
Instagram


Silvia, classe 1985, mamma di una patatona, un angelo e una bimba-arcobaleno, nonché moglie, viaggiatrice, scrittrice e fotografa (improvvisata). Agente di viaggio e social media writer un tempo, travel blogger oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?