Fiabosco, dove le fiabe diventano realtà #InPiemonte / Da non perdere / Parchi

Le feste di compleanno sono occasioni speciali, ma quella che si celebra nel Fiabosco le batte tutte.
Sto parlando della festa di compleanno della Principessa Bea che compie 18 anni e come regalo ha chiesto al Drinch di vivere un’avventura straordinaria diventando lei stessa la protagonista delle favole che hanno fatto sognare tutti i bambini, lei compresa.

E noi siamo stati invitati!!!

Fiabosco MammaInViaggio

No, non mi sono mangiata uno dei funghetti magici che si trovano nel Fiabosco prima di scrivere questo post.
Forse ho solo corso troppo. Perciò meglio fare un passo indietro perchè credo che dopo poche righe le domande siano già tante.
Tipo: cos’è Fiabosco e dov’è?  Chi sarebbe questa Principessa Bea? E  il Drinch, poi?

Facciamo che ricomincio da capo e vi racconto per bene della nostra magica e soprattutto divertente esperienza sensoriale – io non ho mai riso così tanto- nel Fiabosco.

Fiabosco: dove si trova, ma soprattutto cos’è?

Fiabosco é un magico regno all’interno di un vero e proprio bosco nel quale i bambini prendono parte ad una visita interattiva a tappe, tra alberi e villaggi degli elfi, tende degli indiani e navi pirata.

Fiabosco MammaInViaggio

Fiabosco MammaInViaggio

Fiabosco MammaInViaggio

Fiabosco MammaInViaggio

Si trova a Castellamonte, in provincia di Torino, non lontano da Ivrea. Più precisamente in Frazione Filia, proprio in un bosco.
Per raggiungerlo, è sufficiente arrivare Castellamonte e proseguire sulla SP59 verso Case Crosa, in seguito Case Morozzo e poi Filia.
Ve lo preciso perchè il nostro navigatore ha ben deciso di farci fare un giro turistico altrove facendoci percorrere strade improbabili prima di stabilire che non era la direzione giusta.

Ultima segnalazione pratica: il Fiabosco è un evento organizzato dall’animazione Circo Wow e prende vita dal 17 marzo al 17 giugno 2018.

Passiamo sotto la porta magica

E adesso che le indicazioni pratiche ci sono, siamo tutti pronti ad incontrare la Principessa Bea, passare attraverso la porta magica e veder realizzare il desiderio del suo compleanno grazie al Drinch.

Fiabosco MammaInViaggio

Che dite? Non ho ancora detto chi sono Bea ed il Drinch?
Ma è ovvio! Bea è la principessa del Fiabosco che compie 18 anni e verrà quindi incoronata regina, mentre il Drinch è il folletto dei sogni capace di esaudire i desideri.

N.B: Ho pensato di rapirlo e portarmelo a casa – per quel paio di desideri/sogni arretrati che ho, tipo casa pulita e ordinata mentre io sto coricata sul divano a leggere un libro, cena che si cucina da sola, bimbe che non capricciano mai- ma poi ho desistito: l’ho lasciato nel villaggio del elfi del Fiabosco…

Fiabosco MammaInViaggio

E dopo tante spiegazioni, la nostra avventura ha finalmente inizio…

Le fiabe prendono vita

Come vi ho detto, il desiderio espresso dalla principessa Bea è quello di diventare la protagonista delle favole ed il folletto dei sogni l’ha accontentata. Ma, si sa, nelle favole non ci sono solo personaggi buoni, ci sono anche i ca…
Che non sono canguri, né, tanto meno, i catarrosi. Sono proprio loro: i cattivi!

Ed è così che incontriamo Mangiafuoco, la Regina di Cuori, il Lupo Cattivo e persino Capitan Uncino.
Che forse forse, non sono poi così cattivi

Fiabosco MammaInViaggio

Fiabosco MammaInViaggio

Fiabosco MammaInViaggio

Non voglio svelarvi di più, perchè al Fiabosco dovete proprio andarci e viverlo di persona per capire a pieno quanto sia divertente una mezza giornata trascorsa qui.
Posso solo dirvi una cosa: non ve ne pentirete!

Fiabosco MammaInViaggio

Il mio pensiero a fine visita, dopo un paio d’ore di percorso, giochi e battute spiritose: ma é già finito?
Sì, perchè io avrei assistito volentieri ad altre tappe… e le mie BimbeInViaggio pure.

Insomma, divertimento, risate e quel tocco di magia delle favole che non guasta mai.
E per trasformarvi: vi basterà pronunciare le parole magiche…

Informazioni utili

Prima di lasciarvi prenotare la  vostra visita al Fiabosco, vi segnalo ancora alcune cose:

  • la visita al Fiabosco va prenotata: organizza la tua visita
  • presso il Fiabosco è presente un parcheggio per lasciare la propria auto (circa 50 posti). In alternativa, è possibile usufruire del parcheggio nella piazzetta di Filia a circa 8 minuti a piedi)
  • il percorso nel bosco dura circa due ore, ma la passeggiata è di appena 15 minuti, poichè gli spostamenti sono davvero brevi
  • ci troviamo in un bosco: serve un abbigliamento adeguato e soprattutto scarpe adeguate
  • il percorso, sebbene piuttosto pianeggiante, non è adatto ad un passeggino. Meglio optare per una fascia o un marsupio per portare i bambini più piccini.
  • nel parco è presente un’area pic nic all’aperto, ma anche un ristorante.
  • In caso di maltempo, verrete avvisati il giorno precedente la visita della non accessibilità del parco, perciò potrete rimandare la vostra gita.

Se questo articolo ti è piaciuto, lo hai trovato utile o interessante, non dimenticarti di condividerlo!


Silvia, classe 1985, mamma di una patatona, un angelo e una bimba-arcobaleno, nonché moglie, viaggiatrice, scrittrice e fotografa (improvvisata). Agente di viaggio e social media writer un tempo, travel blogger oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *