In traghetto con il camper e camping on board Camper for dummies

Ebbene sì, noi abbiamo sperimentato pure questa: un viaggio in traghetto con il camper!

L’anno scorso, infatti, abbiamo deciso di visitare la Sicilia a bordo del nostro inseparabile amico di viaggi.
Dal momento che il viaggio da nord a sud con due Bimbeinviaggio ci è sembrato decisamente lungo ed impegnativo, nonché antieconomico, abbiamo deciso di optare per una traversata in traghetto.

Caricato il nostro camper a Genova, lo abbiamo rivisto l’indomani al porto di Palermo mentre noi abbiamo tranquillamente pernottato in cabina.

Prenotare un traghetto con camper a seguito

Ovviamente, per accedere al traghetto con il nostro camper abbiamo dovuto prenotare anticipatamente.Quiz Patente Camper MammaInViaggioPrenotare non è difficile: basta semplicemente contattare la compagnia di traghetti prescelta e riservare un posto anche per il proprio camper, come fosse un’auto a seguito.
E’ necessario indicare lunghezza ed altezza massima ed il numero di targa.

A bordo del traghetto

Il giorno dell’imbarco, al porto vi verrà chiesto di attendere il vostro turno per salire sul traghetto in file ordinate indicate dagli addetti.
In base poi al loro segnale, potrete accedere ai garage.

Una volta parcheggiato il camper nella zona indicata al momento, dovrete scendere ricordandovi di:

  • portare con voi tutto il necessario. Infatti non sarà possibile accedere al mezzo fino al momento dello sbarco per motivi di sicurezza
  • tirare il freno a mano
  • chiudere il gas

Come si fa con il frigorifero?

Questa è la domanda che è sorta a me prima di partire.
Come ho detto, la bombola del gas va obbligatoriamente chiusa, e, non essendoci possibilità di spinare il camper, il frigorifero non funzionerà per tutta la durata della traversata.

Come fare dunque con gli alimenti al suo interno?

Se la traversata è breve, sarà sufficiente lasciarlo chiuso e fornirsi di ghiacci – alternativamente sono sufficienti delle bottiglie di plastica riempite d’acqua precedentemente congelate- e riporli nel frigorifero in modo che la temperatura si preservi il più bassa possibile.

Se la traversata è lunga, come lo è stata nel nostro caso, dovrete trasportare alimenti che non hanno necessità di essere conservati a basse temperature.

Noi, invece, per ovviare a questo inconveniente, abbiamo optato per un frigorifero portatile a 12 volt.
Avevamo acquistato da tempo questo frigorifero per le gite di un giorno da effettuare con l’auto e ci è tornato decisamente utile  in questa occasione.
Ho così potuto trasportare lo stretto indispensabile per non dover fare subito la spesa una volta giunti a destinazione. E soprattutto gli alimenti che vanno conservati a basse temperature non hanno risentito del caldo.

Ma soprattutto, al nostro rientro, ho potuto portarmi a casa tre vassoi ben pieni di cannoli siciliani!

Camping on Board

Alternativamente alla sistemazione in garage del camper e soggiorno a bordo per le persone, si può decidere per la soluzione Camping on Board.

Cos’è il camping on board?

Sul ponte esterno di alcune navi, è possibile parcheggiare il proprio camper ed usufruirne normalmente.
In questo caso, non sarà quindi necessario prenotare una cabina o un posto a sedere poichè potrete sfruttare il vostro mezzo.

E’ sempre possibile il camping on board?

No, non tutte le compagnie e non tutte le navi forniscono questo servizio.

Alcune compagnie,come Tirrenia per esempio, limitano l’accesso a mezzi non più lunghi di 7 metri ai posti riservati al camping on board.
Altre, invece, non prevedono proprio questo tipo di trasporto.

Altre informazioni utili

Durante la permanenza su questo speciale piano, sarà possibile allacciarsi alla corrente elettrica.
Mentre non è possibile scaricare i serbatoi delle acque.

Alle persone a bordo è consentito accedere a tutti i servizi che il traghetto offre: i bagni pubblici, i ristoranti, i bar.

Come prenotare il camping on board?

Non è possibile prenotare questo servizio online, per il momento.
Dovrete quindi contattare la compagnia di traghetti e riservare telefonicamente il vostro posto o anche solo indagare e confrontare le tariffe.

Vi segnalo inoltre che diverse compagnie offrono degli sconti in collaborazione con le associazioni dei camperisti.
Tali sconti variano dal 20 al 30% a seconda della compagnia e della tratta.
Per conoscerle, ancora una volta, dovrete fare una telefonata.

I costi del traghetto

Le tariffe del trasporto camper variano di compagnia in compagnia e di tratta in tratta.
Per capire quale sarà l’importo, dovete consultare le compagnie stesse, anche grazie ai portali online, attraverso i quali è facile avere un preventivo immediato.

Per quanto riguarda le tariffe e disponibilità della modalità Camping on Board, come accennato, dovrete necessariamente contattare telefonicamente la compagnia di traghetti in questione.

Ultimissimo suggerimento: affrettatevi! I prezzi dei traghetti aumentano progressivamente perciò solo prenotando in anticipo si possono trovare delle tariffe convenienti. Non esiste, infatti, per i traghetti la tariffa last minute.

Se questo articolo vi è piaciuto, lo avete trovato utile o interessante, se avete amici camperisti alle prime armi, non dimenticate di condividerlo!

Vi aspetto anche sui miei profili social:

Facebook
Twitter
Instagram

 


Silvia, classe 1985, mamma di una patatona, un angelo e una bimba-arcobaleno, nonché moglie, viaggiatrice, scrittrice e fotografa (improvvisata). Agente di viaggio e social media writer un tempo, travel blogger oggi.

Comments

  1. Davvero interessante e pieno di informazioni utili questo post 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?