Vacanza, mare e … dermatite atopica In viaggio con bambini: consigli ed esperienze

Mare e vacanze sono ormai un lontano ricordo, un felice e spensierato periodo che ci ha lasciato nel cuore e nella mente tanti bei posti da ricordare e sulla pelle tante emozionanti esperienze.

Anche un’altra cosa ci è rimasta sulla pelle. Questa però non è terminata con l’arrivo dell’autunno, anzi continua a tenerci compagnia- se così la vogliamo chiamare.
Un fastidio che accompagna Aurora a periodi alterni da anni, direi fin dalla nascita, e di cui io stessa sono soggetta.
Sto parlando della dermatite atopica.

Cos’è la pelle a tendenza atopica?

Prurito, prurito e ancora prurito; e poi arrossamento… insomma tanto, tanto fastidio.
Questa sarebbe di sicuro la risposta di Aurora.

Volendo essere più corretti, la pelle a tendenza atopica è una condizione a causa della quale la pelle si irrita ed infiamma provocando, appunto, prurito.
Quest’ultimo fastidio può addirittura portare un impatto negativo sulla vita quotidiana: infatti può persino interferire sulla qualità del sonno.

Purtroppo le cause di questo disturbo che colpisce in Europa oltre 50 milioni di persone, di cui il 20% bambini, sono sconosciute.

Quando la nostra pelle a tendenza atopica si manifesta?

Aurora ne è affetta da quando ha pochi mesi di vita… purtroppo la pelle a tendenza atopica può manifestarsi anche nei lattanti.

Dermatite Atopica MammaInViaggio

La stagione peggiore è la primavera, quando diversi allergeni vengono a contatto con l’individuo e provocano il risultato che vi ho descritto.

E al mare che si fa?

Generalmente l’estate ed in particolare il sole aiutano la pelle e dovrebbe esserci un miglioramento.

Dico dovrebbe, perchè ovviamente noi siamo l’eccezione che conferma la regola: la nostra pelle, mia e di Aurora, si irrita anche sotto il sole, perchè lei, la dermatite, in vacanza proprio non ci va.
O meglio ci va incollata a noi, sulla nostra cute.

Quindi, nel nostro caso, la pelle va preventivamente trattata in vista delle vacanze al mare e successivamente si potrà godere dei benefici del sole e dell’acqua salata.

Serve un aiuto, quanto meno contro il prurito

Diventa fondamentale, a questo punto, trovare un gesto doni sollievo in adulti e bambini.

Come dicevo, uno dei principali problemi è il prurito.

Grattando la pelle si irrita ancor più e la barriera cutanea danneggiata porta ad un ciclo prurito-grattamento infinito.

Fino ad oggi, ciò che abbiamo cercato nei prodotti che abbiamo provato – e noi ne abbiamo provati davvero tanti!- é stata la possibilità di trovare un prodotto che lenisse la pelle e riducesse il prurito per dar fine al terribile circolo vizioso.

Abbiamo trovato un vero e proprio rimedio al problema pizzicore-cute sempre più screpolata con Lipikar Stick AP+ di La Roche Posay.

Cos’è Lipikar Stick AP+

Si tratta del primo trattamento lenitivo per la pelle a tendenza atopica in formato stick tascabile.
Dermatite Atopica Lipikar Stick AP+ MammaInViaggio
Questo prodotto é arricchito con zinco gluconato, Madecassoside e burro di Karité che gli donano rispettivamente proprietà antibatteriche, lenitive e nutrienti – affinché venga ricostituita la funzione della barriera cutanea.

Lo consiglio perchè

Dopo un mese di prova, ciò che veramente ci ha fatto pensare che questo fosse il prodotto giusto per noi – a parte il fatto che la nostra pelle a tendenza atopica è migliorata grazie alla sensibile riduzione del prurito– sono i suoi punti di forza:

  • si può tenere in tasca o in borsa
  • è facile da utilizzare: anche una bimba come Aurora può farlo da sola
  • per la sua composizione, è adatto alla pelle di neonati, bambini ed adulti

Dermatite Atopica Lipikar Stick AP+ MammaInViaggio

Insomma un prodotto che ha migliorato un gran fastidio e grazie al quale la “compagnia” in vacanza, e non, della pelle a tendenza atopica è più sopportabile.

 


Silvia, classe 1985, mamma di una patatona, un angelo e una bimba-arcobaleno, nonché moglie, viaggiatrice, scrittrice e fotografa (improvvisata). Agente di viaggio e social media writer un tempo, travel blogger oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *