Diario di viaggio: le mie agende della gravidanza Il Mio Viaggio

Non so voi, ma a me piace aver memoria di ciò che è accaduto e ho fatto, scrivere per poi rileggere, scattare foto per poi riguardarle…
Un po’ come quella funzione di Facebook che ti dice cosa hai condiviso lo stesso giorno negli anni passati.
E forse è proprio per questo che mi piacciono i diari…per viaggiare nei ricordi.
Così tra un sorriso e un pizzico di malinconia mi capita spesso di ripensare a ciò che è stato e riviverlo attraverso le parole e le immagini.

Oggi, per caso, ho scorto tra gli scaffali della libreria di casa le agende della gravidanza delle mie piccoline e ho sentito la necessità di riaprirle.

IMG_3801
Credo si sia capito che mi piace scrivere, scattare foto, così come viaggiare e trascorrere del tempo con la mia famiglia, perciò non vi sembrerà strano che io abbia raccolto le ecografie e abbia tenuto nota di ciò che ho vissuto per ciascuna gravidanza, come fosse stato un diario.
E l’ho proprio scritto così, come un resoconto che un giorno le mie bimbe avrebbero letto e tenuto come ricordo di quando c’erano ma non erano ancora nate.
Diciamo che per il momento me li sono riletti più volte solo io, ed uno non verrà mai consegnato..ma partiamo dall’inizio.

Tutto è cominciato nel Dicembre del 2010, quando è iniziato il mio viaggio con Aurora, e che viaggio, in questo caso!!
Mio marito, alias papàinviaggio, mi ha subito fatto due regali (alla faccia della scaramanzia!): una tutina per il nuovo/ la nuova arrivata e questa bellissima agenda.

IMG_3810

Me ne sono innamorata sin dal primo momento, sapendo già che sarebbe diventata la mia più grande compagna e amica per i nove mesi che mi aspettavano.
Ed è così, che fin da subito mi sono messa a scrivere a Lei, la mia patatona Aurora.
Ho racchiuso in questo libro tutte le mie paure e le mie speranze, ed essendo la prima gravidanza erano davvero tante!

Quando la mia bimbainviaggio è nata, il mio diario ha avuto il suo lieto fine.

IMG_3805
Ma non l’ho dimenticato, anzi l’ho riletto più volte con piacere, soprattutto quando ho scoperto di aspettare Camilla.
All’inizio facevo un sacco di paragoni, poi, complici gli avvenimenti, mi sono detta: “Ehi, questa è tutta un’altra storia, e come tale va raccontata. Camilla non è Aurora, merita il suo spazio.”
E così anche il suo diario è diventato solo suo, intimo e personale.

IMG_3809
Purtroppo per questa favola non c’è stata la conclusione felice che tutti ci aspettavamo…
Dopo 41 settimane e 2 giorni il cuoricino della mia bimba si è fermato, ed insieme al suo anche una parte del mio..
Non ho mai avuto “voglia” di scrivere quell’ultima pagina, perché la parola “fine” questa volta gravava come un macigno..
Non l’ho scritta per non decretare la sua morte, perché per me lei continua a vivere al mio fianco..
E dopo pochi mesi ecco un nuovo test positivo, perciò nuovo diario.
Quest’ultimo viaggio è fatto di ansia e paure, ma anche tanta voglia di vita vera, quella fatta di semplici momenti felici. Ed alla fine arriva Vanessa!

IMG_3811

E così le prendo tutte e tre dalla mensola e le sfoglio per un po’.
Che belle che sono! Piene di momenti unici.

Diciamo che da un punto di vista puramente estetico e di contenuti dell’agenda stessa, preferisco quella di Aurora perché la trovo un buon equilibrio tra spazio per scrivere, informazioni fornite e curiosità riportate. Il diario é suddiviso in sezioni: settimane, l’occorrente, salute, il grande giorno e l’arrivo a casa, che danno spunti riflessivi e aiutano le neomamme e i neopapà a orientarsi in questo nuovo universo.

Potrei definirla una guida per il loro nuovo viaggio.

IMG_3803

IMG_3804

IMG_3799

Quella di Camilla, invece, descrive giornalmente qual è il grado di sviluppo del bambino lasciando piccoli spazi alle note personali. Devo ammettere che la descrizione giorno per giorno è un po’ eccessiva, settimanalmente sarebbe sufficiente, magari preferendo un campo note più ampio e non poche righe in più pagine. Questo ovviamente è un mio personale parere.

Inoltre, anche se so essere un particolare trascurabile ed insignificante, è solo in bianco e nero … E a me spiaceva a tal punto che mi sono messa a colorarla!
Nonostante questi piccoli difetti, se così li vogliamo definire, ho sempre pensato fosse esattamente ciò che volevo per Camilla, quella giusta per lei… e non saprei nemmeno dire perché.

IMG_3808

L’ultima agenda che ho scritto, quella di Vanessa, la trovo una via di mezzo tra le due precedenti: anche in questa, come in quella di Aurora, lo sviluppo del bambino è descritto settimanalmente aggiungendo informazioni relative ad esami da sostenere oppure semplicemente qualche suggerimento o aneddoto simpatico per allietare le neomamme.

IMG_3812

A volte le pagine dedicate ad una settimana sono diverse e contengono quindi più particolari o più spazio per scrivere, altre volte si limitano a due, mentre alla fine è presente una parte dedicata agli esercizi per rilassarsi, il metodo pilates e lo stretching, il tutto correlato da un cd di musiche per il rilassamento.

IMG_3813

Beh, cos’altro aggiungere? Le trovo meravigliose, e non perché sono le mie, piuttosto perché sono un ricordo prezioso (anche un’ottima idea regalo alle future mamme).

E voi, invece, avete redatto un giornale di bordo del vostro viaggio chiamato gravidanza?

C’è un aneddoto che vi piace rileggere maggiormente?

Su, forza, raccontatemelo!


Silvia, classe 1985, mamma di una patatona, un angelo e una bimba-arcobaleno, nonché moglie, viaggiatrice, scrittrice e fotografa (improvvisata). Agente di viaggio e social media writer un tempo, travel blogger oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?